Festival del Lavoro di Roma

Tra il 30 giugno e il 2 luglio si svolge a Roma il Festival del Lavoro, giunto quest’anno alla sua settima edizione, promosso come di consueto dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro. La sede è il centro congressi Angelicum, che nelle sue sale ospita incontri, dibattiti, convegni, che vertono attorno ad alcuni dei temi più scottanti legati all’emergenza lavorativa che si sta vivendo nel nostro Paese, e non solo.

Il programma si snoda attraverso i tre giorni con numerosi appuntamenti e tanti nomi importanti. Nella giornata di giovedì 30 giugno interviene il Ministro del lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, introducendo i lavori insieme a Monica Maggioni, della Rai, e ad un rappresentante della Sede Pontificia. I lavori prendono il via alle ore 15:00, con una lectio magistralis di Giovanni Maria Flick, Presidente Emerito della Corte Costituzionale, che verte su un tema di stretta attualità, ovvero la Costituzione Italiana. Nel frattempo, nelle altre aule si discute a proposito del Jobs Act e della necessità di mettere in atto delle nuove politiche del lavoro in Italia; della sicurezza sul posto di lavoro e delle tutele che spettano ai lavoratori contro licenziamenti ingiusti. Si riflette anche sulla rappresentanza sindacale, sul senso che ha assunto nell’attuale panorama del mondo del lavoro e sul ruolo che può ancora svolgere nelle fasi di intermediazione tra il popolo dei lavoratori e i datori di lavoro. Il giorno seguente, venerdì 1 luglio, Nicola Porro modera un incontro relativo alla drammatica attualità delle imprese italiane, strette nella morsa della crisi spesso senza ricevere alcun aiuto concreto da parte dello Stato. Si parla inoltre di contratti di lavoro, di come gestire i risparmi di una vita, di turismo e lavoro. Nel corso della giornata è previsto anche un incontro con Marianna Madia, Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione. Nei vari incontri si parla anche dei voucher dell’Inps, così tanto discussi, e delle modalità con le quali si può portare avanti la lotta all’evasione fiscale. Nella giornata di sabato 2 luglio, infine, si trattano gli argomenti legati alle nuove identità digitali, all’emigrazione lavorativa che spinge tante persone a spostarsi dal proprio luogo di residenza per trovare un impiego, di telelavoro e pensioni. All’interno della tre giorni del Festival del Lavoro viene anche inaugurata una mostra dedicata alla figura di un grande politico del passato, Alcide De Gasperi, intitolata “De Gasperi. Il coraggio di costruire”. La mostra cerca di ricostruire il percorso umano di De Gasperi, ma soprattutto la sua evoluzione come statista, e sarà itinerante. All’inaugurazione è presente anche Angelino Alfano, Ministro dell’Interno. Il tema generale che è stato scelto per questo ricchissimo programma di incontri, che si può consultare integralmente sul sito dedicato, è “La fatica nella mani”, che è poi anche il titolo di un libro che è stato editato proprio dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro. La Presidente dell’Ordine, Marina Calderone, ha spiegato che l’input per decidere le tematiche da affrontare nell’edizione di quest’anno del Festival è giunto dalle parole di papa Francesco, il quale ha invitato più di una volta a riconsiderare il lavoro non solo come modo per garantirsi la sopravvivenza, ma soprattutto per dare dignità all’uomo. Lavoro, famiglia e occupazione sono i tre cardini attorno ai quali ruotano le argomentazioni del libro, e sono anche i punti chiavi per una rilettura dell’intera società nella costruzione di un futuro migliore per il Paese Italia e per chi ci abita.